Blog | Daniele Rielli | Pagina 2
Warning: getimagesize(): Filename cannot be empty in D:\inetpub\webs\danielerielliit\wp-content\plugins\wp-open-graph\output.class.php on line 306

Blog

1578298251620_1578298282.jpg--chi_si_specchia_in_chiara

IL PARADIGMA CHIARA FERRAGNI

(una versione più breve di questo pezzo è uscita sull’inserto culturale de Il Foglio il 4.01.2020 – Foto LaPresse) Rispetto a Chiara Ferragni le reazioni più comuni sembrano essere due: interesse accompagnato da quella trasognata ammirazione di superficie che si riserva alle vite inaccessibili ai più (sul genere insomma delle “vite dei reali”, ma modernizzato) oppure l’odio generato dall’invidia, dal rancore, dall’esclusione. Personalmente credo di far parte di una terza fazione, la minoranza, comunque cospicua, di coloro che messi di fronte al racconto articolato su più canali della vita di Chiara Ferragni più che odio provano soprattutto noia. La visione del…

Continua a leggere
Image by djedj from Pixabay

La colpa è degli altri

Il fallimento di questa classe dirigente improvvisata è l’ultimo atto di una politica italiana che ha ipotecato il futuro per comprare consenso e tentare così di nascondere la gravità della situazione. Ormai è evidente: il grande assente dal dibattito italiano sul Coronavirus è la questione del debito pubblico. Eppure, se nell’affrontare l’epidemia non ci possiamo permettere il relativo agio di Paesi come la Germania e andiamo invece con il cappello in mano a chiedere soldi ad altri Stati, è proprio per via del nostro debito. Se all’inizio di questa emergenza l’Italia aveva meno posti in terapia intensiva per abitante rispetto ad altri…

Continua a leggere
image (1)

Il cortocircuito della campagna per cancellare Netflix

  ( Questo articolo è apparso su Domani il 18/09/2020, illustrazione di Doriano Strologo) Nel momento in cui scrivo la campagna di boicottaggio #CancelNetflix ha raccolto 640mila firme in tutto il mondo e causato una grossa perdita in borsa al titolo del gigante americano. Soprattutto, #CancelNetflix si è dimostrata una campagna estremamente simbolica di alcuni meccanismi chiave del nostro tempo. Questo, in breve, il riassunto di quello che è accaduto: Netflix ha messo online Mignonnes, un film francese premiato al Sundance film festival – un’opera che tratta dell’ipersessualizzazione delle bambine – e lo ha annunciato attraverso una locandina in grado di attirare…

Continua a leggere
Schermata 2020-07-04 alle 1.44.14 PM

Dentro l’odio – Intervista

Questa intervista è tratta da un più ampio approfondimento di Claudia Consoli e Antonella Sbriccoli pubblicato sul sito di Mondadori Cominciamo dal titolo per inquadrare il tuo monumentale romanzo. Quali sono secondo te le principali forme di odio del nostro tempo? Nella nostra epoca sono finite le grandi narrazioni, le risposte univoche, le persone hanno la libertà e il peso (le due cose vanno sempre assieme) di cercare il proprio personale senso della vita. Al tempo stesso la società occidentale tende a eliminare dalla sfera della consapevolezza il dramma, la morte, il sacrificio e sembra avere un solo mandato imperativo: essere…

Continua a leggere
matteo-renzi

ANALISI DI UNA MOSSA SUICIDA

(Cinque Stelle? Io? Mai nella vita) Il Movimento 5 stelle è un partito di fatto proprietà di una persona (Davide Casaleggio), regolato da procedure interne arbitrarie e del tutto opache (epurazioni e votazioni sulla piattaforma non certificata Rousseau). Dal punto di vista formale è senza alcun dubbio il partito meno democratico dell’arco parlamentare italiano, molto meno democratico anche della Lega che ha pur sempre un suo statuto e un suo congresso. Dal punto di vista politico il Movimento è un disastroso accrocchio di ciarlataneria e contraddizioni, un partito che – almeno a parole– vuole bloccare ogni opera pubblica e ogni…

Continua a leggere
download

COSA NON TORNA NELL’ULTIMO EPISODIO DI GAME OF THRONES

!Spoiler alert; serie 8 episodio 5! (siete avvisati, anche se dopo tutto questo tempo dalla messa in onda o l’avete visto o non vi interessa veramente) Come tutti gli appassionati di Game of Thrones sanno la penultima puntata in assoluto della serie è stata molto divisiva. Specie nel mondo anglosassone si sono moltiplicate le accuse agli sceneggiatori di essere “lazy” per aver adottato una sequenza di soluzioni narrative un po’ troppo semplici e quindi in contrasto con l’estrema accuratezza che ha caratterizzato la serie, o, quanto meno, l’ha caratterizzata fino alla sesta stagione. Credo che alcune di queste accuse siano…

Continua a leggere