Daniele Rielli http://www.danielerielli.it Daniele Rielli - Storie dal mondo nuovo (Adelphi) recensioni, articoli, reportage, libri, altri progetti, prossimi incontri pubblici Wed, 06 Mar 2019 12:14:37 +0000 it-IT hourly 1 http://wordpress.org/?v=4.2.19 POLARIZZAZIONE http://www.danielerielli.it/polarizzazione/ http://www.danielerielli.it/polarizzazione/#comments Wed, 06 Mar 2019 12:02:17 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=4160 Continua a leggere]]> Appunti per “Polarizzazione”, una storia d’amore nel XXI° secolo.

Contrariamente a quello che accadeva alla maggioranza delle persone, nella vita di Luisa e Piero la politica era la cosa più importante, una sorta di ossessione personale. Vivevano entrambi come seguendo i dettami di una fede, un credo laico, per cui l’aderire o meno delle persone che andavano conoscendo nel corso della vita a una serie di regole, di non detti, di assunti pregiudiziali, segnava il confine fra l’essere davvero una persona oppure, al contrario, una specie di essere demoniaco, malvagio, al di fuori del consesso umano. O della loro bolla social, che per Luisa e Piero era la stessa cosa. Passavano molto tempo su twitter e avevano vite complessivamente poco stimolanti, una situazione alla quale il loro fortuito incontro – durante un aperitivo di Natale che celebrava la fusione delle aziende dove lavoravano – prometteva di mettere fine, sostituendo la misera dopamina di un retweet con l’appagante complessità di lunghi e gioiosi amplessi in grado di riconciliare un essere umano con l’universo, i suoi atomi, i suoi misteri. Purtroppo per il loro amore, le loro posizioni politiche – le stesse in cui si era divisa l’Italia in quel periodo– erano fra loro assolutamente inconciliabili. Per Luisa un politico serio poteva solamente esporre cibo sui social, per Piero invece poteva anche consumarlo durante una diretta facebook. Si lasciarono senza superare mai davvero il rammarico per quello che sarebbe potuto essere e invece non era stato.

Schermata 2019-02-18 alle 12.58.22 PM

Schermata 2019-02-18 alle 12.56.40 PM

]]>
http://www.danielerielli.it/polarizzazione/feed/ 0
L’omelia e il buon selvaggio http://www.danielerielli.it/lomelia-e-il-buon-selvaggio/ http://www.danielerielli.it/lomelia-e-il-buon-selvaggio/#comments Thu, 06 Sep 2018 11:00:38 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=4153 Continua a leggere]]> Come sopravvivere alle infinite introduzioni dei festival culturali

(articolo apparso originariamente su Il Foglio del 26/08/2018)

 

L’estate non sarà più tempo di letture, se non delle chat su Whatsapp e delle didascalie alle foto autocelebrative su Facebook, ma rimane senz’altro tempo di festival, il rito transumante che compie il pachiderma dell’alfabetizzazione per andare a morire nel cimitero dell’evento. A chiunque capiti di prendervi parte, da invitato, da moderatore, da spettatore, da spillatore di birre, da vicino di casa insonne, non è permesso di sfuggire ad una cosa su tutte: l’introduzione infinita. In un mondo ideale del film che andiamo a vedere o del libro di cui sentiremmo dibattere ci basterebbe conoscere il titolo e, forse, ricevere qualche ridottissima informazione biografica sull’autore. Per il resto vorremmo fidarci a scatola chiusa del gusto del direttore artistico o della comune di cervelli che si è spremuta lungamente le meningi durante i mesi invernali per preparare il programma. Altrimenti, si suppone, non essendo noi degli imbecilli, non saremmo lì. Nell’FCI (Festival Culturale Italiano) è invece obbligatoria un’introduzione della durata minima di venti minuti, meglio se quaranta e con punte mitologiche, vagamente fantozziane, di un’ora abbondante. L’introduzione da festival ha una struttura fatta di caposaldi immutabili, primo fra tutti il saluto commosso e riconoscente alle autorità. S’inizia dal Comune –spesso microscopico ma i cui assessori non hanno comunque più quel grado di ingenuità che renderebbe il tutto un po’ meno stucchevole e più leggero – passando poi per la provincia fino alla regione. In genere questi ultimi sono quelli che mettono più soldi, quindi sono un po’ i padroni della baracca perché l’FCI per definizione non può produrre denaro, deve solo bruciarne, altrimenti rischia di perdere il valore culturale. Ho sentito con le mie orecchie in un recente FCI di medie dimensioni una giovane organizzatrice chiedere scusa alla platea subito dopo aver usato l’espressione “mercato del cinema”. Unica eccezione ai ringraziamenti per i contributi pubblici, un’esclusione peraltro significativa, si dà in presenza di fondi europei, un’eventualità in cui Bruxelles non si nomina mai, pare infatti che l’oscura funzionaria polacca che appone le ceralacche sulle vittorie dei bandi non venga mai alle cene dopo le proiezioni e i dibattiti. Esauriti i saluti alle autorità, ai vips in sala e conclusi anche i ringraziamenti incrociati – con applausi doverosi – fra organizzatori, si giunge al nucleo senziente dell’introduzione: il discorso sulla necessità & sui fini. Il sottointeso qui è che raccontare una storia sugli esseri umani e i loro strani comportamenti sia da sola una motivazione un po’ troppo triviale per un’opera che aspiri a trovare posto all’interno di un FCI, e, diciamocelo, sarebbe anche un po’ poco per noi che siamo qui, visto che il PCI (pubblico culturale italiano) cerca sì intrattenimento ma con i punti di rilevanza sociale ben sottolineati e numerati come negli specchietti sinottici a fine capitolo nei sussidiari. Si passa quindi a illustrare come l’opera che seguirà sia di assoluta necessità, una sorta di farmaco sperimentale e prezioso per curare un determinato male del corpo sociale. Fra le patologie più gettonate: disumanità, indifferenza, ignoranza, dominio del neoliberismo. Talvolta si fa più genericamente appello ad intere categorie, quindi giovani disoccupati, esclusi dalla società, afflitti da solitudine, anziani che non hanno diritto allo sconto sui trasporti pubblici. Anche volendo per un momento prendere per buono il dogma dell’artista ingegnere e meccanico sociale la cui opera abbia un solo livello di lettura – quello a favore del miglioramento del welfare – il problema è che la complessità e gli aspetti peculiari della società contemporanea potranno talvolta entrare nelle opere (soprattutto in quelle straniere) ma mai e sotto nessuna circostanza nell’introduzione. Il suo cuore pulsante, l’epicentro retorico, è tarato infatti su di un’immagine della società italiana che viene presa di peso dagli anni sessanta, per cui, ad esempio, se siamo in provincia i giovani “non hanno occasione di vedere cose diverse da quelle che vanno in televisione”, il tutto detto mentre in platea un sedicenne annoiato segue in diretta su YouTube lo stretching di Cristiano Ronaldo in un resort della Grecia occidentale. E tuttavia questo sfasamento cronologico con la realtà fornisce un indizio prezioso all’osservatore laico che s’interroghi, durante la lunga ed estenuante attesa, sulla natura dello spettacolo a cui sta assistendo. Se negli elementi fra di loro apparentemente in contrasto come i propositi rivoluzionari e le pubbliche riverenze alle autorità si ritrovano i tratti tipici e pressoché eterni della borghesia italiana, mano a mano che il discorso procede senza avvicinarsi mai, novello Achille di Zenone, alla fine, un’illuminazione coglie prima o poi il paziente spettatore: sta assistendo ad un’omelia. Tutti quegli anni a denunciare le malefatte della chiesa santa cattolica e apostolica salvo poi tradire, attraverso un’imitazione delle forme, un istinto naturale, quasi biologico, al ritorno ai riti di un’infanzia per bene. E così l’intellettuale da FCI quando si produce nella sua inesauribile omelia introduttiva ritorna inconsciamente alle origini tanto criticate –la messa della domenica a cui lo portavano i genitori –, forme ancora vive della sua socialità perché mai abiurate davvero, essendo l’illuminismo dalle nostre parti roba appunto da schema sinottico che si manda a memoria per non capirlo. L’omelia dell’FCI pare quindi mandare – attraverso la struttura, i gesti e la trascendenza immutabile del rito – il più alberto sordesco dei messaggi: gli italiani so’ tutti uguali. Conclusione un po’ troppo severa nei confronti del Paese, che forse – si sottolinea però l’avverbio – non la merita. L’osservatore ormai sull’orlo del coma indotto dal potente anestetico vocale propone quindi una seconda direzione d’indagine, una domanda utile ad individuare almeno una differenza. Perché tutto questo indulgere, nelle omelie degli FCI, sui popoli lontani, quando nella platea ci sarà pure abbondanza di lini svolazzanti e di colori etnici ma le pelli sono bianche quanto quelle di una riunione del Ku Klux Clan? Ed ecco che emerge il problema più recente di questo sottogenere oratorio: il pubblico di riferimento. Perché vanno bene tutte le categorie di cui sopra ma serve anche una massa a cui rivolgersi, un branco compatto e indistinto di diseredati di buoni sentimenti a cui additare tutti quei mali più specifici e di nicchia. Serve insomma un popolo da dirigere. Il problema è che se parliamo di platee, al di fuori dell’FCI – che per definizione è quasi un guardarsi negli occhi fra addetti ai lavori, un predicare ai convertiti –per questo genere di omelia ormai c’è quasi il deserto. Il vecchio proletariato ha alzato la testa se non socialmente quanto meno nella percezione – fondata o meno non è questo il punto – di sé. Forse deve badare al lavoro, alla famiglia, o ha la timeline Instagram delle colleghe da scrollare e le vacanze a Gallipoli da pianificare per portare a casa un po’ di selfie di qualità su cui campare non dico tutto l’inverno ma almeno fino a Natale. Chissà. Cos’abbia di meglio da fare rimane in fondo un mistero ma appare evidente come non abbia più né voglia né tempo di ascoltare pazientemente i sermoni di chi tratteggia un sole dell’avvenire che non arriva mai se non per chi lo dipinge. Rimangono al novello parroco del progresso le bolle dei lavoratori dei media o di quella che un tempo si sarebbe chiamata l’industria culturale, assieme a dei giornali sempre meno letti. Ma anche qui si rischia di non provare quel tipo di sensazione oceanica che solo la propria voce che crepita da degli altoparlanti su una piazza colma di gente dove le bandiere garriscono in un silenzio assorto, rapito, può garantire. Certo per raggiungere le masse made in Italy ci sarebbero anche i frequentatissimi social network ma lì la battaglia fra messaggi tagliati con l’accetta la vincono inevitabilmente gli altri. Fra ruspe e magliette rosse vincono sempre le ruspe, la piattaforma tecnologia è pensata così, per massimizzare il rogo dei capri espiatori. Ecco quindi un problema di difficile soluzione, pensa il paziente spettatore che nell’attesa della proiezione ormai lambisce i sempre più attraenti confini del sonno REM: dove trovare un popolo da difendere e dirigere con mano gentile ma ferma e che sia al tempo stesso sufficientemente educato da non morderla, quella mano? Un indizio su dove sia diretta la ricerca ce lo dà, fra gli altri, il magistrale articolo su Repubblica (genere contiguo e simbiotico all’omelia da FCI) di Tonia Mastrobuoni a proposito della polemica sul calciatore di origine turca özil che ha chiamato Erdogan “il mio presidente” e in seguito alle proteste ha abbandonato la nazionale tedesca. Commentando il fatto che i turchi tedeschi hanno votato in massa per Erdogan la giornalista scrive: “Non è una schizofrenia di chi gode quotidianamente delle libertà di una democrazia parlamentare funzionante e sceglie nel segreto dell’urna un autocrate liberticida e – in questo caso, davvero – parafascista. E’ (sic) il grido di protesta di una minoranza importante che continua a sentirsi minoranza reietta e riscopre con Erdogan un presunto orgoglio nazionale andato perduto.” .

Così, molto semplicemente e molto univocamente. Tedeschi democratici ma cattivoni, turchi filo fascisti certo, ma per dispetto. Il retore da FCI non conoscerà più con l’esattezza millimetrica di un tempo il volere delle masse autoctone ma con lo stesso grado di unilateralità e di sicumera ora sente di conoscere quello delle masse straniere, che dal canto loro sono sufficientemente lontane dal non sentire il bisogno di rispondere a questa privazione di soggettività con una pernacchia. In discorsi di questo tipo si ritrova tutta la forza spersonalizzante del mito del buon selvaggio, vero e proprio sostituto contemporaneo del proletario portatore di ogni virtù e di nessuna macchia, quindi inumano. Per altro è la perfetta antitesi del cattivo selvaggio, anch’esso altrettanto inautentico, un rovesciamento uguale e contrario della retorica dello straniero inevitabilmente barbaro e stupratore, con l’aggravante che si tratta del fallimento di un’alternativa proprio là dove non si fa altro che parlare di diversità. Le cose naturalmente sono molto più complesse e fortunatamente nessun popolo – tantomeno quello turco – si fa comprimere dentro analisi così sommarie e ideologiche. C’è chi avrà votato Erdogan per questo motivo e chi per tutt’altro, ovviamente, e se proprio esistesse qualcuno in grado di conoscere così nel dettaglio le motivazioni dei voti alle elezioni si tratterebbe probabilmente di Google e degli altri signori dei big data, ma questo, decisamente, non è materiale da FCI. Quello che conta, l’aspetto più prezioso, è che però nessuno si prenderà la briga di rispondere ad affermazioni del genere perché tutto sommato i turchi tedeschi hanno altri problemi, altri interessi, altri dibattiti da seguire. Il che li rende dei buoni selvaggi ideali, perfetti come altri popoli lontani anche per l’inserimento nell’omelia da FCI. A questo punto lo spettatore ormai ronfante è visitato in sogno da un’ulteriore problema, questa volta in prospettiva: il genere retorico dell’omelia si avvantaggia di grandi opposizioni, di confini netti e di orizzonti da tracciare, necessita soprattutto del silenzio raccolto e ossequioso della platea. Si potrebbero quindi presentare delle complicazioni quando in futuro si realizzerà anche in Italia l’integrazione che tutti giustamente auspichiamo e il selvaggio, da idealtipico elemento muto del paesaggio, diventerà un cittadino con diritto di parola e sarà impossibile per l’oratore decidere cosa pensa, lui e i milioni che si suppongono uguali a lui come dei replicanti, sulla base di una rapida annusata dell’aria fuori dalla finestra. “Sento odore di dispetto, in milioni!” non funzionerà granché, allora. Ma stiamo parlando di un tempo molto lontano, diciamo almeno 2-3000 omelie introduttive di distanza (OID). Ora però un po’ di silenzio, il film sta già per iniziare.

]]>
http://www.danielerielli.it/lomelia-e-il-buon-selvaggio/feed/ 0
1042- scrivere in Trentino http://www.danielerielli.it/1042-scrivere-in-trentino/ http://www.danielerielli.it/1042-scrivere-in-trentino/#comments Fri, 01 Jun 2018 13:39:41 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=4146 scrivere in Trentino locandina def A3

 

L’11 luglio terrò una lezione (probabilmente travestito da orso) nell’ambito di “1042-scrivere in Trentino”.

Nel corso della settima gli altri scrittori-docenti saranno:

Silvia Dai Pra’, Giorgio Falco, Claudio Giunta, Vincenzo Latronico, Letizia Muratori.

Per iscrizioni e informazioni:

scrivereintrentino@gmail.com

https://www.facebook.com/1042scrivereintrentino/

www.andalovacanze.com/scrivere-in-trentino/

]]>
http://www.danielerielli.it/1042-scrivere-in-trentino/feed/ 0
Andrew O’Hagan e la scissione digitale dell’io http://www.danielerielli.it/andrew-ohagan-e-la-scissione-digitale-dellio/ http://www.danielerielli.it/andrew-ohagan-e-la-scissione-digitale-dellio/#comments Fri, 24 Nov 2017 13:05:03 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=4007 Continua a leggere]]> rtx2fw23

Sabato 25 novembre alle ore 17 sarò alla Triennale di Milano per un dialogo con O’Hagan intitolato “Vite segrete e identità digitali” nell’ambito di #Studiointriennale.

Articolo pubblicato su La Stampa – 11.11.17. 

Provate a immaginare la prossima polemica online, probabilmente non riuscirete ad indovinarne il contenuto, ma avete buone possibilità di sapere, fin da ora, come si svilupperà. Ci sarà un forte presa di posizione di stampo morale contro una persona (pubblica o fino a quel momento sconosciuta, è quasi indifferente), seguirà un linciaggio digitale poi la notizia uscirà dalla bolla di pensiero unilaterale in cui ha preso forma e arriverà a qualcuno che prenderà con forza le parti dell’accusato. A chiusura del ciclo qualcun altro farà notare che questo sviluppo, compreso anche il suo commento, è il frutto della ferrea legge che regolamenta ogni “flame” ovvero di ogni polemica su internet. A questo punto si passerà al prossimo rogo rituale.

In altri termini ogni possibile valore di verità di una proposizione è contenuto ed esplicitato di per sé stesso appena la proposizione entra nel web. Estremizzando un po’ e guardando il tutto da una distanza sufficiente, è la notte dove tutti gli status sono veri e falsi contemporaneamente. Si potrebbe obbiettare che in fondo questa è sempre stata la struttura di ogni dibattito, ma l’accelerazione del tempo, l’universalità dell’accesso e l’incessante ripetizione del processo, sono cose che solo internet rende possibili e portano la crisi del concetto di verità ad un livello inedito.

Sarebbe materia per diversi saggi, ma Andrew O’Hagan in La vita segreta utilizza un approccio probabilmente più efficace, considerato lo stato di disgregazione del discorso, e scrive tre exempla sul tema dell’identità. Se il discorso pubblico, afflitto da bulimia digitale, non gode di ottima salute, cosa dire del concetto stesso di identità?

ohagan

La vita segreta di Andrew O’Hagan

O’Hagan affianca per lungo tempo tre persone che esemplificano, appunto, una parte importante dello spirito d’internet: il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, il presunto Satoshi Nakamoto (Craig Wright) ovvero il misterioso inventore del Bitcoin e della Blockchain – una tecnologia che oggi viene considerata dagli investitori l’equivalente di internet negli anni ’90 – , e Ronnie Pinn, un’identità totalmente fittizia creata da O’Hagan a partire dal certificato di nascita di un ragazzo morto in giovane età, un avatar che si rivelerà in grado di comprare marjuana, eroina ed armi sul deep web, così come di avere amici su facebook e un piccolo manipolo di follower su twitter.

Il lavoro di ricerca di O’Hagan è oggettivamente imponente, così come lo è la massa di dati che si trova a maneggiare, informazioni che spesso non sono facili da comunicare in una forma non specialistica, ma a parte qualche rallentamento, soprattutto nel pezzo sul presunto Satoshi, la capacità espositiva dello scrittore scozzese è notevole. A fuoco appaiono soprattutto le osservazioni attorno al tema dell’io nel tempo del web – la rete – sostiene lo scrittore – ha privato la letteratura del monopolio sul tema classico del “doppio”, scalandolo, per usare un termine caro al mondo digitale, a questione del “multiplo”.

Così il militante Assange si rivela un piccolo despota, incoerente e viziato, perennemente in guerra con gli esponenti della sua fazione, pubblicamente è un simbolo della trasparenza assoluta ma privatamente è scorretto e ossessionato dal controllo, una sorta di rovescio grottesco delle istituzioni che attacca. O’Hagan è bravo abbastanza da far sorgere il dubbio che Assange giochi semplicemente un’altra partita, quella in cui ogni azione e ogni frase nel mondo reale sono pensati solo come armi da brandire su twitter e sulle altre arene digitali, lì dove si gioca la battaglia per il consenso attorno ai princìpi generali. Lo fa passando con indifferenza sopra le persone reali, incapaci di fornire la stessa ricompensa adrenalinica di un plebiscito digitale.

Più interessante ancora è la figura di Craig Wright, costretto da alcune disavventure economiche a rivelare la sua identità di Satoshi Nakamoto, o quanto meno di membro della squadra che ha creato Satoshi. Nel farlo è ossessionato dalle persone che non crederanno alla rivelazione, sa di avere un pessimo carattere, pressoché nessun carisma e di non essere complessivamente all’altezza del mito di Satoshi e incomincia così a sabotarsi in maniera sistematica. Scisso fra diverse identità, tra il desiderio di rimanere nascosto e quello di ricevere riconoscimento, prova il desiderio di primeggiare ma sempre attraverso il filtro di sicurezza di un computer.

Il libro di O’Hagan è soprattutto questo, la storia di persone prive di capacità sociali (o addirittura inesistenti) che grazie alla conoscenza della macchina raggiungono un potere enorme sul resto dell’umanità, eppure trovano il loro vero sé solo davanti ad uno schermo, perché solo la macchina tutela la loro natura molteplice e gli permette di essere contemporaneamente una cosa e il suo contrario.

]]>
http://www.danielerielli.it/andrew-ohagan-e-la-scissione-digitale-dellio/feed/ 0
“STORIE DAL MONDO NUOVO” IN LIBRERIA http://www.danielerielli.it/daniele-rielli-storie-dal-mondo-nuovo-recensione/ http://www.danielerielli.it/daniele-rielli-storie-dal-mondo-nuovo-recensione/#comments Thu, 27 Oct 2016 14:29:23 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3806 Continua a leggere]]>

storie-dal-mondo-nuovo-daniele-rielli-copertina

(2° edizione)

 Dicono di “Storie dal mondo nuovo”

Tanti pezzi diversissimi di mondo tenuti insieme dalla capacità di guardare i fatti e tradurli in narrazione, genere nel quale Rielli eccelle come Carrère o Tom Wolfe .

schermata-2016-12-28-alle-23-59-40

Rielli aggiorna al terzo millennio un’idea classica del reportage narrativo, quella novecentesca dei Parise e Vassalli, Ceronetti e Piovene, Manganelli e Tabucchi fino a Tiziano Terzani. Brillantezza linguistica, scelta delle fonti, incisività, ritmo, indipendenza e libertà di pensiero sono le sue armi

schermata-2016-12-15-alle-19-28-05

Alla mente torna il geniale Foster Wallace di “Considera l’aragosta

repubblica

Rielli possiede un controllo della lingua che lo sottrae ai velleitarismi pirotecnici che sono, invece, uno degli abiti ricorrenti della prosa italiana attuale

Logo_Il_Sole_24_Ore

 

Raramente ho trovato qualcosa di più inusuale e godibile nella descrizione della realtà. Daniele Rielli, ricordate questo  nome

logo_lunita

Daniele Rielli è la prova che in Italia anche il talento conta

download

Si ride e si spalancano i neuroni

og-logo-vf

Magnifici reportage

logo

Storie dal mondo nuovo, un rimedio contro la post-verità

logo-finzioni

ACQUISTA “STORIE DAL MONDO NUOVO” SU:

(Da Adelphi.it) I fantasmagorici rituali – di iniziazione – dei promotori di startup, riuniti in conclave a Londra. I saturnali, al Mugello, di una delle ultime divinità disponibili in Italia, Valentino Rossi. Il matrimonio fra i rampolli di due miliardari indiani – per tacer dell’elefante – nel cuore della Puglia. L’incontro, a New York, con un sopravvissuto alla sua stessa leggenda, Frank Serpico. Il paradiso – o l’inferno – artificiale nella sua versione più aggiornata, il poker online. Non importa da quale ingresso Daniele Rielli decida di entrare nel diorama ibrido e surreale che chiamiamo contemporaneità. Importa come ne racconta, ogni volta, un angolo diverso. E quanto, ogni volta, riesca a farci ridere.

alcune interviste a proposito di “Storie dal mondo nuovo”

La Stampa (video) 

La Lingua Batte- Radio Rai Tre

Minima Moralia
Comedy bay

]]>
http://www.danielerielli.it/daniele-rielli-storie-dal-mondo-nuovo-recensione/feed/ 0
Carrère e il principo di indeterminazione http://www.danielerielli.it/carrere-e-il-principo-di-indeterminazione/ http://www.danielerielli.it/carrere-e-il-principo-di-indeterminazione/#comments Thu, 13 Apr 2017 12:18:20 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3995 Continua a leggere]]> Heisenberg

(Questo articolo è uscito il 18-03-17 su “Tuttolibri”, La Stampa)

Per provare a capire il grado di realismo di un racconto, Emmanuel Carrère propone il “criterio dell’imbarazzo”. Se incontriamo un dettaglio che l’autore deve avere verosimilmente pensato di eliminare perché imbarazzante o in qualche modo scomodo, avvertiamo un istintivo “senso di verità”. Non è solo una dichiarazione di principio ma anche un criterio operativo in grado di attraversare l’intera opera di Carrère, o almeno la sua fase più nota, quella della non-fiction. Pochi autori contemporanei hanno fatto come Carrère del culto – e dell’esibizione- del dettaglio scomodo, delle pulsioni che i più preferirebbero tacere, un marchio di fabbrica.

Ogni appassionato dello scrittore francese ricorda la lunga lettera erotica alla compagna pubblicata sulle pagine di Le Monde (oggi contenuta all’interno dello splendido “La mia vita come un romanzo russo”) una storia con un epilogo che sarebbe stato sommamente umiliante se solo il primo ed esibirlo non fosse Carrère con quel misto di stoicismo ed egocentrismo dichiarato che contraddistingue il suo stile. I lettori si dividono fra chi è infastidito da una prospettiva così apertamente egotica e chi invece coglie i due messaggi sottointesi a questo approccio. Il primo è: sono fallibile e imperfetto come tutti gli altri, seppur a modo mio – come appunto tutti gli altri. Il secondo, forse ancora più importante, è che l’unico racconto onesto possibile sia quello dichiaratamente soggettivo.

“Propizio è avere dove recarsi” è uno zibaldone composto di articoli, reportage, recensioni, discorsi e lettere che attraversano quasi trent’anni di carriera, un libro con cui è possibile entrare nel cantiere aperto del lavoro dello scrittore francese e in cui è sovente lui stesso a riflettere apertamente sulle tecniche che utilizza e sui loro significati. Centrale in questo senso è il discorso su “A Sangue freddo” di Truman Capote, uno dei testi fondanti della non-fiction contemporanea, un paradigma ingombrante con cui Carrère si confronta quando decide di scrivere un libro su Jean-Claude Romand, un impostore che dopo aver fatto a credere a tutti per anni di essere un medico quando in realtà non era nemmeno laureato, sterminò la famiglia, i genitori e il cane. All’ultimo momento, quando dopo anni di ricerche Carrère si è ormai deciso ad abbandonare il progetto anche a causa dell’incapacità di convivere con il fantasma di Capote, riesce finalmente a sbloccarsi inserendo nella storia sé stesso, la sua famiglia e il suo mondo.

Come un fisico quantistico Carrère riconosce l’impossibilità di indagare nel profondo della materia senza che il suo scrutare causi dei cambiamenti nell’oggetto osservato, ed è proprio questa consapevolezza a cambiare tutto. Quello che in campo scientifico si chiama “principio d’indeterminazione”, in campo letterario si traduce in un approccio in cui l’onestà intellettuale non deriva più dalla pretesa equidistanza di un narratore onnisciente dai personaggi del racconto, ma al contrario dalla dichiarazione esplicita della peculiarità dell’osservatore, del peso ineliminabile non solo del suo agire ma anche delle sue convinzioni pregresse, delle sue aspirazioni e della sua storia personale. Qualsiasi cosa sia “La Verità” in Carrère rimane sullo sfondo come una particella inconoscibile o un noumeno kantiano, quello su cui possiamo invece mettere le mani è la versione del narratore, accuratamente filtrata attraverso le sue idiosincrasie e le sue ossessioni.

Nel caso di Carrère questo si traduce in uno scrittore che non fa mistero della sua estrazione alto borghese e del fatto di vivere con una giornalista “in una zona decisamente radical chic” di Parigi, capitale di un Paese “in una fase di lento declino” e di “mobilità sociale ridotta”. Se in certi momenti il maggior desiderio di Carrère sembra essere per sua stessa ammissione comprare una casa in Grecia, a questo orizzonte aspirazionale ben delimitato e apparentemente privo di rischi, corrispondono una serie di ossessioni personali per la violenza, la morte, la follia, ma anche l’ammirazione per la freddezza della madre ( il motto materno “Never explain, never complain” risuona in tutta l’opera di Carrère come una sorta di stella polare irraggiungibile, ne è prova il fatto che la sua, di freddezza, Carrère l’argomenta per mestiere) o ancora un’attrazione per una Russia a metà fra avamposto di frontiera senza legge e luogo dell’anima dove sono ancora possibili sentimenti non viziati dall’ironia post-moderna che affligge la vita di un intellettuale parigino benestante che ritiene di aver già visto tutto.

È così che nelle pagine di “Propizio è avere dove recarsi” vediamo Carrère piangere a dirotto al cospetto di un coro di bambini di una scuola elementare di Mosca che prendono molto sul serio il loro compito. È chiaro, dati questi presupposti, che il racconto di Carrère non ha mai la pretesa di essere oggettivo, ammette ad esempio di non sapere fin dove arrivi il vero Limonov e dove inizi invece quello della sua fantasia. Ogni tanto nelle sue storie appare un’interferenza rivelatrice, come quando intervistando una giovane fotoreporter individua nella sua sicurezza i segni di un’origine benestante, ipotesi che la diretta interessata smentisce fra le risate. Piccoli episodi a parte la controprova manca quasi sempre – e dovremmo comunque affidarci alla volontà dell’autore di riportarla- bisogna quindi fidarsi ed in fondo va bene così, è il senso dell’intera operazione e a ben guardare è qualcosa che finiremmo per fare comunque anche partendo da presupposti diversi, meno trasparenti. Il tutto funziona anche perché l’abilità nel mettere in dubbio l’io narrante, l’autoanalisi impietosa e destrutturante della sua psiche è forse la più notevole delle qualità letterarie di Carrère, un capacità di decodifica di portata tale che gli si perdonano alcuni vizi minori come una pressoché totale mancanza di ironia, qualità temuta e un po’ disprezzata per ragioni che lui stesso ci suggerisce appunto biografiche.

Il libro ha molto da offrire anche ai lettori meno interessati a questioni tanto teoriche, contiene reportage memorabili sul misterioso autore del bestseller degli anni 70 “L’uomo dei dadi” o sul meeting economico di Davos, un ottimo profilo biografico di Alan Turing, un buon numero di viaggi in Russia e uno in Romania sulle tracce di Dracula. Tutto materiale che ricorda come prima ancora di essere un’anima tormentata che ha osato dichiarare il peso del punto di vista nella scrittura, elefante nella stanza del conformismo letterario, Carrère sia un eccezionale narratore.

]]>
http://www.danielerielli.it/carrere-e-il-principo-di-indeterminazione/feed/ 0
MUGELLO, L’ULTIMO GRANDE RAVE (Reportage) http://www.danielerielli.it/mugello-lultimo-grande-rave-reportage-il-magazine/ http://www.danielerielli.it/mugello-lultimo-grande-rave-reportage-il-magazine/#comments Wed, 29 Jun 2016 07:31:41 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3761 Continua a leggere]]>

La pianificazione è andata avanti per mesi, attraverso un gruppo di WhatsApp. Correva via 3g una cospirazione di stampo motociclista finalizzata a presenziare al Gran Premio d’Italia 2016 del MotoGp, quello della possibile, grande rivincita di Valentino Rossi. Si trattava d’infilarsi nel centro esatto di quello che i giornali di solito liquidano come una specie di allegro sfondo colorato racchiuso nelle formule “grande atmosfera” o “popolo giallo”, oppure sintetizzano con un numero di quelli che non riescono a rappresentare nemmeno lontanamente ciò che indicano: centomila persone.

La prima cosa che penso una volta fuori dalla tenda con vista notturna sulle curve dell’Arrabbiata, è che sarebbe più corretto parlare di ultimo grande rave italiano. La notte prima del Mugello però non si suona house, techno, o drum and bass, ma motoseghe. O meglio: c’è anche musica, più o meno ovunque, ma la competizione fra dj con i muri di casse e le Husqvarna, la vincono a mani basse le seconde. Da qui si origina lo slogan ormai mitologico: «Al Mugello non si dorme» scandito ad ogni angolo, ad ogni ora: la promessa d’insonnia è la prima regola del fight club degli amici della miscela. Il biglietto d’ingresso è quello Night&Day per il prato, ovvero tutto ciò che circonda il circuito e non è né tribuna né paddock; le tende sono ovunque, anche fuori dai bagni, così come i camper.

Il pratone è una specie di anello incompleto, manca un lato, un accampamento lungo chilometri in cui gruppi di ragazzi camminano agitando le motoseghe, private della cinghia e della marmitta e spesso con l’aggiunta surrettizia di trombe d’amplificazione. Quando accelerano persone di tutte le età, e nell’ordine delle decine di migliaia, esultano. Alle volte le motoseghe crescono, diventano tosaerbe o veri e propri motori, di moto o di auto, smontati dai loro mezzi d’origine e uniti a scarichi lunghi un metro e mezzo, accrocchi che hanno due scopi: fare un rumore che attraversa la valle da pendice a pendice, ed emettere fiammate come draghi futuristi. Il rumore è il rumore, dotato quindi di un suo valore intrinseco, ma qui è anche la rappresentazione immobile della velocità.  Quando di giorno una moto sfreccia nella pista di sotto non si manifesta mai senza rumore, stridulo quello della Moto Tre, monotono quello della Moto Due, imperioso, grasso e per definizione più interessante, quello della MotoGp. E così ogni motosega è casino, ma è anche una preghiera e un riferimento alla sostanza divina e non replicabile della velocità. O almeno questo è quello che mi sembra perfettamente sensato al quarto vodka-tonic. Continua su STORIE DAL MONDO NUOVO ( ADELPHI)

]]>
http://www.danielerielli.it/mugello-lultimo-grande-rave-reportage-il-magazine/feed/ 0
Reportage: L’anomalia http://www.danielerielli.it/reportage-vita-da-pokerista-internazionale/ http://www.danielerielli.it/reportage-vita-da-pokerista-internazionale/#comments Tue, 16 Jun 2015 11:40:59 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2669 Continua a leggere]]>  

«Quando giochi con il limite, spari mirando a un bersaglio.

Senza il limite, il bersaglio prende vita e spara a te».

Crandell Addington a proposito del Texas Hold’em no limit

Una coppia di inglesi dalle pelli lattiginose getta pezzi di pane verso un banco di cefali, le schiene argentee s’inarcano, l’acqua si solleva, un attimo dopo gli esemplari rimasti a digiuno scattano nervosi attorno al vuoto. È giugno e sono seduto in un ristorante di Budva, in Montenegro. Un cameriere allampanato liscia con qualche parola in italiano i clienti al tavolo di fronte, un gruppo di giocatori baresi di slot che parlano con il regolamentare tono di voce troppo alto. Sono appena arrivati con un charter assieme alle loro camicie floreali impossibili e agli occhiali da sole, ordinano vassoi di pesce che domani, dopo una notte di gioco in perdita, potrebbero generare inediti dubbi di opportunità. Alle nostre spalle montagne brulle, di fronte l’Adriatico, nel mezzo una statale nuova che collega un agglomerato urbano irregolare fatto di casinò, sale scommesse, case vacanze per ricchi, e parcheggi pieni di Porsche Panamera e Range Rover nere.

Stamattina, a Fiumicino, una giovane addetta Alitalia con il badge identificativo coperto da un foglietto che recitava «Odio tutti», mi ha messo in mano il biglietto per il volo Roma-Podgorica e si è voltata prima che le facessi notare che i sentimenti più belli sono sempre quelli ricambiati. Un’ora scarsa di volo dopo, l’Embraer si è preparato all’atterraggio compiendo cerchi sempre più stretti sopra il lago paludoso alle porte di Podgorica, dove la pianura e l’acqua condividono una lunga terra di mezzo.

All’aeroporto ragazzi in maglietta hanno lanciato le valigie sui cassoni di due trattori marca socialismo reale, e dieci minuti dopo un tassista del casinò ha caricato su una Toyota Prius la mia unica valigia. Per un’ora di viaggio lui, grosso, rasato e silente, ha ascoltato dosi da centro sociale di ska balcanico, e io, medio, arruffato e sotto antibiotici, ho fissato lo schermo digitale che illustrava in tempo reale il funzionamento di un propulsore ibrido, ho guardato le case nuove di zecca con i tetti rossi di Sveti Stefan e mi sono appuntato che il primo taxi provvisto di wi-fi di bordo che prendevo in vita mia copriva la tratta Podgorica-Budva.

A un certo punto, stupito dall’ottima qualità delle strade, ho chiesto al tassista come andava l’economia.

«Male».

Poi di nuovo una lunga e ininterrotta distesa di ska balcanico.

Ora, seduto al ristorante, lancio a mia volta un pezzo di crosta lontano dal banco di cefali. Uno guizza nella mia direzione, il resto del gruppo gira a vuoto continuando a confidare negli aiuti da oltremanica. Se il livello della competizione si alza, a prosperare sarà il più forte, o colui che è in grado di vedere pezzi di pane dove fino a quel momento nessuno è stato in grado di scorgerli. Il primo è il barbaro tradizionale, che sotto sembianze sempre diverse attraversa la storia come una costante di sopraffazione, il secondo è l’espressione, della legge ugualmente darwiniana, che per la sopravvivenza talvolta l’intelligenza può più della forza. A forse cento metri da qui, nel casinò di cui sono ospite, un centinaio di emuli umani dei pesci satura un salone con il rumore incessante che fanno le pile di fiche quando le tormenti tra le dita. È in corso un torneo di Texas Hold’em no limit su due giorni, in cui ognuno dei giocatori punta a essere l’anomalia in un sistema di sconfitti. Continua su STORIE DAL MONDO NUOVO ( ADELPHI)

]]>
http://www.danielerielli.it/reportage-vita-da-pokerista-internazionale/feed/ 0
Reportage: DISRUPT http://www.danielerielli.it/reportage-london-disrupt-come-le-start-up-cambiano-il-mondo-il-venerdi-di-repubblica/ http://www.danielerielli.it/reportage-london-disrupt-come-le-start-up-cambiano-il-mondo-il-venerdi-di-repubblica/#comments Fri, 15 Jan 2016 11:13:03 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3685 Continua a leggere]]>

 

Whatever form it takes, the underlying propellant is an inexhaustible thirst for knowledge.

MICHAEL MORITZ

Walking around San francisco, it strikes me that this cannot end well, that combination of magical thinking, easy money, greedy investors, and amoral founders represent a recipe for disaster

DAN LYONS

Il primo dice proprio «Con questa invenzione cambieremo il mondo», come in Silicon Valley la serie HBO su un gruppo di startupper americani. Fa niente che l’olandese sul palco, qui al Tech Crunch Disrupt di Londra, stia presentando una doccia elettronica. Certo, dotata di tecnologia digitale, e di un filtro autopulente che in teoria dovrebbe permettere di farvi la doccia sette volte con la stessa acqua – una specie di fontana pubblica 2.0 –, ma la chiusa suona comunque un po’ sopra le righe. La propensione all’iperbole, solo apparentemente politico-morale, riflette in pieno lo spirito dell’economia delle startup e dell’evento organizzato da Tech Crunch, uno dei più influenti – e competenti – siti tecnologici al mondo.

Per arrivare qui, ieri sera sono atterrato in un aeroporto fuori Londra dove tutta la procedura d’ingresso è automatizzata come in una puntata di Black Mirror. Un percorso forzato dentro delle transenne mi ha diretto dentro dei tornelli, lì una telecamera nascosta dietro un vetro ha analizzato il mio volto, mentre un’altra scannerizzava il mio passaporto, infine, con un lieve rumore pneumatico, la barriera si è aperta permettendomi l’ingresso in Gran Bretagna senza che nel processo avessi avuto a che fare con alcun essere umano.

Ora Jordan Crook, una ragazza che ricorda la standup comedian Amy Schumer e che alla veneranda età di ventisette anni è presentatrice e senior writer di Tech Cruch, prende in giro con ironici modi da maschiaccio il pubblico per lo scarso entusiasmo. I presenti in effetti ascoltano attentamente e prendono appunti sui loro MacBook (entrare qui costa 600 euro al giorno, più IVA), ma non ruggiscono in maniera primordiale ogni volta che qualcuno mostra una nuova funzionalità su uno schermo. Non c’è insomma il clima a metà fra un sabba e un discorso di Mel Gibson in Braveheart che contraddistingue i Keynote Apple. Siamo in Europa, e si sente. Atteggiamenti della platea a parte, il Disrupt del titolo starebbe a significare che qui le cose si cambiano sul serio, si ricomincia da zero, si cambia il mondo. «In meglio» è un postulato automatico che non deriva da valutazioni filosofiche, politiche o da bar, ma in modo molto lineare dal successo sul mercato dell’azienda con propositi rivoluzionari: se il nuovo servizio genera profitti e diventa «un unicorno», ovvero supera la valutazione di un miliardo di dollari – il famigerato billion sotto il quale qui non sei nessuno – allora il cambiamento è stato necessariamente per il meglio e per l’umanità tutta, non solo per quelli che hanno visto il miliardino, reale o teorico, depositarsi fragrante sui loro IBAN. Nei discorsi dietro le porte della Copper Box Arena, al centro del Queen Elizabeth Park, il resto dell’umanità esiste solo ed esclusivamente in forma di consumatore. Migliorare il mondo significa realizzare servizi digitali che le persone vogliano usare, un utilizzo che è considerato la più assoluta forma di consenso. Altro non serve, anzi è un impedimento che va superato, tanto meglio se chi lo pone è un vecchio dinosauro analogico: quando capirà da dove è arrivato il meteorite, per lui sarà già troppo tardi. Giornalisti, albergatori e tassisti ne sanno qualcosa. Tutto questo è Disruption.  (CONTINUA  SU STORIE DAL MONDO NUOVO (ADELPHI))

]]>
http://www.danielerielli.it/reportage-london-disrupt-come-le-start-up-cambiano-il-mondo-il-venerdi-di-repubblica/feed/ 0
IL RETROSCENA DEL RETROSCENA DEL RETROSCENA. VIAGGIO NEL GIORNALISMO PARLAMENTARE. http://www.danielerielli.it/il-retroscena-del-retroscena-del-retroscena-viaggio-nel-giornalismo-parlamentare-minimamoralia/ http://www.danielerielli.it/il-retroscena-del-retroscena-del-retroscena-viaggio-nel-giornalismo-parlamentare-minimamoralia/#comments Mon, 02 Feb 2015 10:30:25 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2539 Continua a leggere]]>  

«Non ce la faccio più» spiega un collega giovane e sveglio che fa cronaca parlamentare da molti anni, a mo’ d’incoraggiante introduzione nel magico mondo della politica vista da vicino. Siamo seduti su un divano del Transatlantico, il luogo dove si fabbricano quelle cinque, dieci pagine dei quotidiani in cui i politici si mandano messaggi a vicenda sulla testa dei lettori. Da questo salone lungo e discretamente sfarzoso arrivano la maggior parte dei retroscena, spesso quelli più irrilevanti, visto che per comunicare le informazioni buone ed esclusive ci sono metodi migliori, strategie visionarie e clandestine come: mandare un sms. Qui lo struscio di politici, giornalisti e commessi non conosce sosta, e si confabula alacremente. La topografia del potere è abbastanza intuitiva: le figure importanti stazionano in un punto, quelle medie si coagulano attorno a loro, i cazzoni alla base della piramide sociale (io) vanno avanti e indietro.Continua su STORIE DAL MONDO NUOVO ( ADELPHI)

]]>
http://www.danielerielli.it/il-retroscena-del-retroscena-del-retroscena-viaggio-nel-giornalismo-parlamentare-minimamoralia/feed/ 0
RACCONTARE – Un corso di scrittura gratuito e sexy http://www.danielerielli.it/raccontare-un-corso-di-scrittura-gratuito-e-sexy/ http://www.danielerielli.it/raccontare-un-corso-di-scrittura-gratuito-e-sexy/#comments Thu, 17 Nov 2016 16:38:05 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3832 Continua a leggere]]> Si può imparare a scrivere con un corso? Intendo scrivere in modo da esprimere qualcosa di più di un’esigenza comunicativa base come:

“1. 23 etti di prosciutto crudo/3 euro e quaranta-Coop adriatica grazie e a presto”,

oppure

“stai zitto gatto del cazzo o ti prendo a ciabattate, sono le sei di mattina”,

“memeeeeeooooowwww (trad: crocchette, subito, o qualcuno morirà).”

Bè, dipende.

Sicuramente si può cercare di limitare i danni, e compatibilmente con il materiale umano provare a fare anche qualcosa di accettabile.

(Per mia madre: adesso sai perché non avrei mai potuto fare il pubblicitario.)

In genere l’aspetto più creativo dei corsi di scrittura creativa è rappresentato dalle gigantesche aspettative costruite dai reparti marketing allo scopo di giustificare rette che vanno da “costose” a “passatempo per annoiata ereditiera di oligarca russo”, per cui eviterò di chiamare così il nostro progetto, anche se alla fine si tratta almeno in parte di un subdolo artificio retorico.

Quello che sto cercando di dirvi è che assieme ad Arci Ragazzi Bolzano – e con il patrocinio della provincia autonoma di Bolzano e del giornale Alto Adige– ho messo in piedi Raccontare, un percorso formativo per chi vuole provare a imparare a scrivere professionalmente.

In breve: 12 posti. Costo: zero (beccati questo Baricco).

Studieremo sia dei biechi trucchetti narrativi che alcuni aspetti pratici del mondo editoriale.  L’obbiettivo di quest’ultima parte della formazione è arrivare  in un futuro non lontano ad uscire dalle riunioni (che, spoiler alert, in questo settore si chiamano pranzi di lavoro) senza la sensazione di essere stati rispettati quanto una schiava del sesso thailandese.

In breve mi piacerebbe se alla fine di Raccontare sapeste scrivere anche solo un po’ meglio di prima e aveste un’idea un po’ più simile alla realtà riguarda alla professione dello scrittore, giusto per decidere lucidamente se immolarvi o preferire senza rimpianti quel posto in banca di cui vostra madre vi parla da sempre. Il corso sarà diviso in fiction e non fiction e potrete decidere liberamente a quale specialità dedicarvi. Ne ho parlato un po’ più estesamente qui.

Infine abbiamo preso accordi con l’Alto Adige: se dal corso uscirà un reportage degno di pubblicazione (e sarà meglio che sia così o assaggerete la mia frusta) finirà stampato sulle loro pagine.

Per partecipare a Raccontare dovete fare solo due cose:

1. Inviarci un testo di massimo 10mila battute, che può essere alternativamente o un racconto breve o un reportage da dove volete voi su quello volete voi (animali buffi inclusi ma non caldeggiati. A meno che non si tratti di diavoli della Tasmania, ovviamente).

2. Essere residenti in Alto Adige.

Assieme alle lezioni tenute dal sottoscritto avremo degli ospiti che terranno delle lectio magistralis, anche queste gratuite ma aperte anche al pubblico che non partecipa al corso (qui non controlleremo la residenza sulla carta d’identità).

Gli ospiti saranno:

Claudio Giunta, che quest’estate mentre leggevo un libro di Joan Didion mi ha quasi fatto piangere con questo pezzo, perché sul momento non mi ero accorto di quanto fossero effettivamente tremendi passaggi come:

“La tocchi – ha detto il signor Reclamation –, e io ho eseguito: per un bel pezzo sono rimasta così, con le mani sulla turbina. È stato un momento speciale, ma talmente esplicito da non suggerire altro che se stesso”

(Caro Giunta mi devi una coperta termica e un tè caldo, anche se era agosto ed ero al mare).

Il giovane (erano anni che sognavo di dirlo di qualcun altro) Luca Ravenna, tra le altre cose autore della nuova stagione di “Quelli che il calcio” ma soprattutto uno stand up comedian che mi ha fatto scoprire una nuova leva di comici italiani che non sembrano usciti da una gara di scorregge ambientata negli anni 80, un gruppo di ragazzi stranamente al passo con i tempi e di cui lui è un esponente di spicco.

Matteo Codignola, l’editor di Adelphi con cui mi sono azzuffato per “Storie dal mondo nuovo”,  l’inventore della “biblioteca minima” e l’autore di famose traduzioni, una fra tutte quella de La versione di Barney . Matteo ci parlerà dei segreti del mestiere di “fare” libri.

Chiuderà il corso Francesco Montanari attore con un curriculum infinito fra teatro cinema e tv, che i più ricordano per l’angelica interpretazione del Libanese in “Romanzo Criminale – La serie” che ci parlerà del rapporto fra autori e attori.

Per iscriversi basta cliccare qui. Fate in fretta, iniziamo il 5 dicembre.

 

]]>
http://www.danielerielli.it/raccontare-un-corso-di-scrittura-gratuito-e-sexy/feed/ 0
TINDER E LA DISSIPAZIONE DELL’ENERGIA http://www.danielerielli.it/tinder-e-la-dissipazione-dellenergia/ http://www.danielerielli.it/tinder-e-la-dissipazione-dellenergia/#comments Mon, 11 Apr 2016 12:29:47 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3732 Continua a leggere]]>

 

Ad ogni passaggio di livello trofico si perde approssimativamente il 90% dell’energia proveniente dal sole: quanta permette di risparmiarne Tinder e a che prezzo?

La natura non tende all’inazione ma non sembra apprezzare nemmeno gli sforzi eccessivi,  la struttura della vita segue soprattutto un principio: ottimizzare le risorse. Non per produrre di più (il surplus è roba da esseri umani decadenti, il che comunque è ok se un giorno volete poter usare degli antibiotici) quanto per la mera sopravvivenza.

Questo è solo uno dei tanti insegnamenti che si possono trarre dal dettagliatissimo, e divertente, L’ingegneria degli animali di Mark Denny e Alan McFadzean , un’indagine ingegneristica attorno alle strutture, le reti e le logiche insite nella vita sulla terra. Quali sono i modi diversi in cui animali di varie taglie gestiscono il calore? Come fa esattamente a muoversi una lumaca? Cosa rende un lupo un killer efficiente? Secondo quali esigenze animali diversi hanno sviluppato scheletri diversi?

Il libro inoltre illumina alcune questioni di fondamentale importanza per la vostra vita professionale e affettiva come ad esempio “quanto è infernale la vita di un colibrì?”. Soprattutto però, mette appunto in chiaro la costante propensione della natura all’ottimizzazione delle risorse, anche, e forse soprattutto, là dove i meccanismi ambientali sono ostili o semplicemente inefficienti.

Perdendo energia.

 Tanto per fare un esempio, ad ogni passaggio di livello trofico si perde approssimativamente il 90% dell’energia proveniente dal sole: le piante con la fotosintesi sono in grado di assorbire solo il 10% dell’energia presente nell’atmosfera e passano la stessa quota della propria energia agli erbivori e, ancora, la medesima proporzione regola il trasferimento fra questi ultimi e i carnivori. Questa dispersione avviene per via del secondo principio della termodinamica e per una serie d’inefficienze diffuse, ad esempio lo stesso atto di digerire gli amici del livello trofico inferiore dopo esserseli mangiati richiede una certa quota di energia.

Spostarsi costa a sua volta energia, e non tutte le specie hanno la stessa efficienza nel ciondolare in giro per il loro ambiente. Un giovanissimo Steve Jobs lesse uno studio su Scientific American che confrontava diversi animali proprio da questo punto di vista: il più efficiente nei movimenti era il Condor, l’uomo navigava a metà classifica, come un Bologna F.c. qualsiasi. Però l’uomo balzava primo in classifica se solo si muniva di bicicletta (il sorpasso a mezzo tecnologico sul condor è un fatto sul cui valore simbolico forse non ci si è interrogati abbastanza). Da quel giorno in poi Jobs dice di aver sempre pensato al computer come ad una “bicicletta della mente”.

avvoltoio

Nella foto un animale che non avrebbe avuto speranze contro Girardengo

C’è però anche un altro possibile approccio al problema, più in linea con l’età del software. Gli esseri viventi, che siano volpi o umani, si spostano principalmente per due motivi:

  1. Procurarsi del cibo. In senso lato per gli uomini, perché oltre al cibo tendono a procurarsi anche beni di altro tipo come case, vestiti, automobili o biciclette a scatto nel caso di esemplari che sembrano aver subito danni neurologici. Il meccanismo che regola la loro società è illustrato brillantemente qui
  2. Accoppiarsi. Questo rimane sostanzialmente uguale, anche se le volpi usano probabilmente meno deodorante e per i rituali d’accoppiamento preferiscono i boschi ai “distretti enogastronomici” .

Una volpe pigmea americana che dobbiamo supporre non bici-munita, consuma secondo Denny e McFadzean, circa il 20% della sua energia per le sue peregrinazioni, una parte importante delle quali va senza dubbio via nella ricerca di volpine compiacenti e inclini alla prosecuzione della specie. Il suo collega bipede, l’homo sapiens sapiens, il cui accoppiamento è sottoposto a una serie più stringenti di vincoli per via di alcune peculiarità tipiche della sua specie come il linguaggio, la complessità della sua organizzazione sociale e la cifra residua sul conto in banca, può consumare ancora più di energie nella ricerca di un partner, senza per altro essere altrettanto vincolato alla riproduzione in caso di successo.

A ben guardare però una bici con cui muoversi di bar in bar in cerca di un partner può non rappresentare un fattore risolutivo se, ad esempio, l’uomo in questione si esprime a grugniti, indossa calzini bianchi o utilizza approcci fin troppo pragmatici come “Ciao, hai già scopato oggi?”.

volpe fb

La volpe di Facebook avrebbe causato confusione teorica in Steve Jobs

 

Ottimizzare.

Qui però, al netto del fatto che due trucchi li dovete imparare comunque e presupponendo che per qualche motivo non vogliate ricorrere alla prostituzione o a mezzucci infimi ma pur sempre efficaci come scrivere libri, impegnarvi in politica o insegnare all’università, interviene l’app Tinder che suggerisce una rivoluzione copernicana: non usare mezzi più efficienti per spostarsi ossessivamente da un potenziale ritrovo di partner sessuali ad un altro, annuendo nel mentre a discorsi di cui chiaramente non ve ne fotte un cazzo, ma scrollare comodamente da casa le foto di eventuali vittime, chattarci guardando gli highlights dell’Nba fino a quando non raggiungete con una o più di esse un accordo di massima (ah, anche tu trovi True detective così intenso?) e solo allora utilizzare energia animale, ciclistica, rinnovabile, fossile o delle buone intenzioni referendarie per raggiungere l’obbiettivo, ottenendo, al netto di una percentuale ineliminabile di profumiere in psicoanalisi dalla pre-adolescenza –detta variabile pf–, un risultato sostanzialmente sicuro. All’improvviso agitarsi per ore sotto cassa sembra un’attività molto meno necessaria.

Anche questa è organizzazione delle risorse, anzi è una peculiarità tipica delle reti informative, un tipo di organizzazione che prima ancora di rendere più efficiente un viaggio s’interroga sull’opportunità d’intraprenderlo. È anche il tipo di sviluppo tecnologico che ci ha fatto passare da un futuro che immaginavano munito di teletrasporto o almeno di auto volanti ad un presente dove chini sugli schermi degli smartphone si aspetta che arrivi la pizza ordinata dal ristorante sotto casa.

Viaggiano i dati e ci si muove il meno possibile, ci si avvicina, cioè, allo stile di vita dei Condor. Il potenziale di questo tipo di organizzazione che meno sì offre alla fantascienza e alle avventure interplanetarie, mi è divenuto pienamente chiaro solo quando un amico, noto nell’era analogica come ( uso qui un termine scientifico forse un po’ complesso ma necessario alla trattazione) proverbiale scacciafiga, mi ha illustrato le sue ultime conquiste sul suo telefono e subito dopo mi ha mostrato alcune delle risorse disponibili nel luogo dove ci trovavamo.

Eravamo con un gruppo di amici su una piccola isola siciliana, per giunta fuori stagione, un ambiente in cui in un contesto predigitale le probabilità di accoppiamento del mio amico, già di per sé antologicamente basse in una megalopoli retta da un regime politico fondato sul poliamore, sarebbero state ragionevolmente esprimibili con un numero negativo. Anche senza considerare che il mio amico è un alcolizzato basta infatti considerare alcuni fattori debilitanti come il controllo sociale e la necessaria limitatezza del bacino potenziale in un luogo come quello.

Eppure Tinder offriva opzioni, e nemmeno poche, persino lì. Fino a quel momento avevo volato ad 10mila metri di quota, videochiamato casa da 7mila chilometri di distanza, provato i Google glass, fatto complessi esami clinici, sfrecciato su autostrade deserte, costruito una carriera professionale grazie anche alla circolazione in tempo reale di informazioni digitali all’interno di una rete globale, ma non avevo ancora capito quanto la tecnologia potesse essere davvero utile. Intendo cioè per cose che contano davvero. (scopare>risonanza magnetica)

In quel momento il luccichio inedito negli occhi dell’amico former pussy away driver (traduzione via http://www.wordreference.com/iten/scacciare ) sembrava dire “Capisci, ora il mio impiego dell’energia solare è più efficiente!” con il tipico movimento della mano a stantuffo che in ogni cultura è il simbolo informale per “passaggio di energia fra livelli trofici”.

Non puoi cambiare la natura, solo peggiorarla.

Era tutto vero, ed era anche molto significativo. Attraverso il gioco dei grandi numeri chiunque, persino un F.P.A.D, poteva svoltare ottimi risultati, l’unico limite fisico sembrava essere diventato la rapidità delle dita sui tasti. Oh che magnifica società!

Ma, come in uno di quei film post apocalittici dove la natura sotto forma di alberi, cespugli e animali esotici riconquista inesorabile le metropoli abbandonate, la lotta per la vita ha fatto ritorno in tutta la sua gerarchica brutalità con i suoi esemplari alpha e omega, attraverso l’algoritmo di Tinder che ha implementato il cosiddetto ELO score. Di fatto si tratta di un valore segreto, ma non per questo meno determinante, derivato in massima parte dalla propria storia all’interno del servizio. In parole povere più siete richiesti (e matchati) più vi è permesso di vedere potenziali obbiettivi. Alla lunga se proprio nessuno vi vuole, il sistema vi mostrerà solo profili simili al vostro, il che naturalmente si configura come lo spasso definitivo.

“Fai cagare”

“Anche tu”

“Aperitivo verso le 7?”’

“Ok”

L’obbiettivo è abbreviare il tempo speso ad alimentare speranze illusorie ( e a scartare cessi) all’interno dell’app, l’algoritmo farà quindi per voi buona parte della scelta comportandosi come un organizzatore di matrimoni combinati assicurandosi, che non vi siano riproposte possibilità simili a quelle che avete già miseramente fallito in passato. Questa tecnologia si prodiga silenziosa, segreta e inesorabile affinché i belli rimangano protetti dalle molestie dei brutti e per molestie s’intende “dalla vista”.

Insomma un metodo gerarchico, brutale, inesorabile e molto più rigido e irreversibile della già sicuramente non tenera selezione naturale: stiamo parlando pur sempre di silicio, materiale che obbedisce ciecamente agli ordini come non fa nessun omologo in carne ed ossa, nemmeno tedesco.

La selezione naturale inoltre prende in considerazione anche altre variabili oltre alle tre vostre migliori foto su facebook, giusto per fare un esempio immediatamente comprensibile a chi lavora in ambito culturale, immaginate di essere l’orrido leader dal volto deforme di una tribù che ha appena sterminato la minacciosa tribù vicina, le donne del vostro clan farebbero a gara per leccare dalla vostra pelle il sangue degli infanti dell’altro clan che avete trucidato a mani nude e mangiato crudi intonando lugubri canzoni di Laura Pausini ( mi piace aggiungere particolari poetici agli esempi).

1028978226

editor di una nota casa editrice

Purtroppo una superiore abilità nello sterminio e nella masticazione della prole dei vostri antagonisti ambientali risultano caratteristiche difficilmente esprimibili su Tinder, che in questo modo limita radicalmente il ventaglio di variabili da cui passano le vostre chance nella lotta per la prosecuzione della specie.

L’algoritmo selettivo, riducendo la competizione per l’eiaculazione in compagnia a una faccenda di scuole private (assieme all’algoritmo sono state inserite anche educazione e posto di lavoro) e barbute faccette inoffensive, la rende un misto di eugenetica e perbenismo da due soldi. Il mio consiglio professionale è quindi il seguente: dichiarategli deliberatamente guerra e, se necessario, andate pesantemente di Photoshop.

Non temete neppure di ritoccare un po’ le informazioni non è ingannare, è contrastare con intelligenza le dinamiche inefficienti della dissipazione dell’energia, e questo in un senso difficilmente contestabile significa fare rientrare nella lotta per la riproduzione la caratteristica che distingue tutti gli uomini, esclusi naturalmente i vegani, dagli altri animali: l’intelligenza, appunto.

Qualcosa su cui la segreta ingegneria della vita non potrebbe che essere d’accordo.

 

 

 

LSG COVER SITO 2° RISTAMPA

Acquista “Lascia stare la Gallina” (Bompiani 2015) su:

]]>
http://www.danielerielli.it/tinder-e-la-dissipazione-dellenergia/feed/ 0
L’epidemia senza fine (IL magazine – Sole 24 ore) http://www.danielerielli.it/lepidemia-senza-fine-il-magazine-sole-24-ore/ http://www.danielerielli.it/lepidemia-senza-fine-il-magazine-sole-24-ore/#comments Fri, 23 Sep 2016 09:41:38 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3786 Continua a leggere]]> Da oggi il pezzo della coverstory di IL è anche online

L’Audi A4 di Giovanni Melcarne è un ufficio di guerra in movimento. Le cuffie bianche dell’iPhone perennemente nelle orecchie, risponde ai giornalisti, coordina amici e collaboratori, inizia le frasi in italiano e le chiude in dialetto, esorta, avanza letture dei fatti e dei comportamenti («Tie nu l’hai capito allora ca qhiddru sempre così face»), propone strategie, poi con due dita chiude la chiamata e riprende il discorso che stavamo facendo senza perdere il filo. Fuori dai finestrini c’è il suo campo di battaglia: le distese di ulivi dissecati dal batterio Xylella nel Sud-Ovest del Salento. Quella di Melcarne è una guerra per la sopravvivenza insieme personale e collettiva: salvare gli ulivi, la sua azienda e il consorzio di cui è presidente, quello dell’olio Dop Terra d’Otranto, un prodotto che deve essere fatto al 60 per cento di Cellina di Nardò e Ogliarola, le due varietà d’ulivo tipiche del territorio e che a oggi sono anche quelle più pesantemente colpite dal batterio.

Mi accorgo che il contachilometri dell’auto segna 487mila. Non ho mai visto un’auto con mezzo milione di chilometri. Quando glielo faccio notare Melcarne ride: «Li ho fatti quasi tutti negli ultimi anni, da quando è iniziata l’epidemia». Da tre anni Giovanni cerca di convincere il maggior numero possibile di persone che il problema non è serio, è serissimo, e il Salento senza la monocoltura dell’ulivo non solo non avrà quasi più un settore agricolo, ma si trasformerà nel giro di qualche anno in un deserto di terra rossa pieno di lapidi di legno, ben poco attraente anche per i turisti, altro comparto fondamentale per l’economia della zona.

Xylella è un batterio incurabile che s’insedia nel sistema linfatico delle piante ostruendolo fino a farle seccare. Si diffonde tramite un vettore, la cicalina sputacchina. Gli ulivi, una volta infetti, rimangono asintomatici per una fase che dura all’incirca un anno e mezzo, un periodo in cui sembrano in forma smagliante ma in realtà sono già un deposito di inoculo e fanno quindi da base per l’infezione degli alberi vicini, come una sorta di zombie vegetali. Per questo i protocolli internazionali richiedono l’abbattimento degli alberi infetti e di quelli nelle immediate vicinanze. Strategie di eradicazione che comprendano – oltre al controllo del vettore tramite trattamenti e buone pratiche agricole – gli sradicamenti degli alberi sono la norma quando patogeni pericolosi arrivano su un nuovo territorio. In Australia per un fungo del banano sono state sradicate le piante nel raggio di un chilometro da quelle infette, in Canada per il plum pox virus l’area fu di 500 metri. In Francia, dove recentemente è comparsa un’altra sottospecie di Xylella, si stanno seguendo le procedure internazionali, sradicamenti compresi, e non ci sono notizie di proteste. Nel Salento, al contrario, il concetto apparentemente non molto complicato che per salvare gli 11 milioni di alberi della provincia (senza contare quelli nel resto della Puglia e dell’Italia e del bacino mediterraneo) dall’infezione del batterio senza cura ci sarebbe stato bisogno di abbattere quelli malati non è mai passato presso la popolazione, né presso i politici e nemmeno, almeno per i primi due anni della crisi, presso le associazioni di categoria. Così, nel giro di un paio di anni, il Salento è diventato “Zona infetta”, dove non si prova nemmeno più a eradicare il batterio. La notizia fu accolta da molti con gioia, anche se di fatto equivaleva a una lenta ma inesorabile condanna a morte di tutti gli alberi della provincia. Da quando seguo questa storia ho imparato a conoscere il riso amaro di Melcarne quando racconta aneddoti su quello a cui ha assistito, come una riunione di un’associazione di categoria in cui dal pubblico a un certo punto qualcuno si alzò per dire: «Io tengo un libro di cure giapponese di 1.000 pagine, e vuoi che in 1.000 pagine non c’è manco una cura per Xyella?».

(Continua a leggere su IL)

il cartaceo del n.89 è ancora in edicola fino a metà ottobre:

cover-rid

front-page-rid

 

]]>
http://www.danielerielli.it/lepidemia-senza-fine-il-magazine-sole-24-ore/feed/ 0
Reportage: L’epidemia di Xylella in Salento (Internazionale) http://www.danielerielli.it/reportage-lepidemia-di-xylella-in-salento-internazionale/ http://www.danielerielli.it/reportage-lepidemia-di-xylella-in-salento-internazionale/#comments Fri, 08 May 2015 08:58:47 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2587 Continua a leggere]]>  

Narra il mito che quando Poseidone e Atena si sfidarono per il dominio sull’Attica, il primo percosse il terreno con il suo tridente e fece sgorgare dell’acqua salata, la dea invece scelse di piantare un ulivo. Quel giorno si decise a furor di popolo non solo che il nome della città destinata a sorgere in quel luogo sarebbe stato Atene – non Poseidonia e nemmeno Poseidonopoli – ma si strinse anche e soprattutto il legame tra gli antichi greci e la pianta dell’ulivo, con le sue molteplici virtù e la sua nodosa maestosità.

Nella Bibbia la fine del diluvio è annunciata dal ritorno della colomba che porta un ramo di ulivo, nell’antica Roma a capodanno i giovani bussavano alle porte dei vicini per offrire in dono rami di, indovinate un po’ di cosa, esatto, di ulivo. Dal canto mio, uno dei miei primi ricordi d’infanzia è la scena in cui mio nonno, con un analogo sebbene indubbiamente più modesto intento simbolico, pone un me di forse tre o quattro anni età, nipote cicciotto frutto di incrocio con le nordiche genti, alla guida di un aratro legato a una mula in mezzo ai suoi ulivi.

La cosa a sorpresa non degenera in incidente agricolo e articolo di cronaca sul Quotidiano di Lecce, ma sopravvivo e ne scaturisce una foto. Da qui, probabilmente, la nitidezza un po’ artefatta del ricordo. Anche se da tempo, per la mia famiglia, gli ulivi hanno smesso di rappresentare un lavoro e sono andati dispersi tra le infinite sorelle di mio padre (riproduzione endemica, ancestrale vizio delle famiglie cattoliche), ne possediamo ancora un centinaio, il che, considerato che in Salento ce ne sono undici milioni, mi rende potenziale ereditiero dello 0,009 per cento del patrimonio olivicolo leccese. Al lordo delle mie, di sorelle.

Oggi queste piante si trovano dentro la cosiddetta zona infetta dal batterio xyllela, la peste degli ulivi arrivata probabilmente su una pianta ornamentale dalla Costa Rica. Ho imparato percorrendo il Salento in lungo e in largo che xylella e quello che ci gira attorno sono questioni molto complesse, ma due punti preliminari vanno chiariti subito: il primo è che per il batterio da quarantena al momento non esiste una cura e non si intravvede nemmeno la possibilità di raggiugerne una a breve termine. Il secondo è che zona infetta non significa che tutti gli alberi siano infetti, ma che la provincia di Lecce è stata definita dalle autorità zona dove non ci si aspetta più di riuscire a eradicare il batterio perché ormai l’infezione è troppo diffusa.

Non è quindi solo con lo spirito del cronista ma anche con quello del nipote che vede minacciate le proprie radici e quello del microproprietario terriero afflitto dalle circostanze avverse, che raggiungo il Salento in auto con mio padre: io per capire cos’è esattamente xylella, quanto è grave la situazione, cosa si può fare, lui per curare i suoi ulivi, per il momento ancora sani, come fa regolarmente da quando tanti anni fa ha lasciato il sud.

Per raggiungerli attraversiamo una Lecce il cui viale dell’Università è stranamente al buio, involontaria anticipazione del clima di lutto che si respira per le strade.

Un lutto in larga parte inespresso, strisciante, nascosto sotto la narrazione dominante sui mass media, classici, online e social, che è quella del complotto. Su facebook riscuotono like, la nuova unità di misura della verità, a migliaia, gli appelli di guaritori, dell’insospettabile agronoma Sabina Guzzanti, del noto scienziato in forza ai Sud Sound System Nandu Popu, dei comitati più disparati che si diffondono sul territorio al diffondersi della malattia, e di fantomatici untori, dai più classici a quelli che esprimono un maggior grado di delirio, a sentire l’internet è tutta colpa della Monsanto, degli alieni, dei baresi, delle catene inglesi di alberghi o, come ha sostenuto un sito cattolico, di un dio che prende una deriva da antico testamento e si appresta a punire il suo popolo per le sue manchevolezze morali, o chissà, viene il sospetto, per aver votato un presidente di regione omossessuale.

Più grave ancora dell’immaginifica caccia all’untore è la negazione della malattia, perché agevola la diffusione dell’epidemia. Una parte importante del Salento oggi è paragonabile a un malato quasi terminale, che invece di percorrere la strettissima e complicata via per combattere la diffusione del morbo, strada resa ancora più angusta da uno stato che non mette sul tavolo i soldi necessari, si rivolge a maghi e sciamani, come da peggiore tradizione italica.
Se lutto c’è, qui siamo ancora largamente nella fase di negazione, un rifiuto figlio di pregiudizi antichi veicolati con i mezzi digitali del nostro tempo. Il risultato è un terreno paludoso in cui le istituzioni preposte a gestire l’emergenza annaspano visibilmente.

L’unica fragile barriera, frutto di lunghe trattative e compromessi, che le istituzioni hanno provato a porre al diffondersi dell’epidemia è stato il piano del commissario Silletti, reso pubblico proprio durante i giorni del mio viaggio in Salento, e che oggi, a poche settimane di distanza, mentre sistemo le ultime righe di questo reportage, è bloccato dal tribunale amministrativo regionale (Tar) del Lazio. Il pronunciamento arriva poco dopo una nuova decisione in sede europea, proprio alla vigilia dell’entrata nella seconda, fondamentale, parte delle operazioni fitosanitarie. Per capire cosa significhi tutto questo è necessario tornare a quei giorni in cui il piano era appena stato approvato, e io mi aggiravo tra gli ulivi salentini. Continua a leggere su Internazionale

 

 

 

]]>
http://www.danielerielli.it/reportage-lepidemia-di-xylella-in-salento-internazionale/feed/ 0
UNA MODESTA PROPOSTA: SOPPALCHIAMO IL SALENTO http://www.danielerielli.it/una-modesta-proposta-soppalchiamo-il-salento/ http://www.danielerielli.it/una-modesta-proposta-soppalchiamo-il-salento/#comments Sat, 20 Aug 2016 11:11:38 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3781 Continua a leggere]]> (La spiaggia di Torre dell’Orso il 15 agosto 2016)

(dal Nuovo Quotidiano di Puglia- Lecce del 19.08.2016)

Il 15 agosto ho osservato la spiaggia di Torre dell’orso dall’alto, era circa l’una di pomeriggio, gli ombrelloni s’infilavano inesorabili fino alla pineta e nessuno, nemmeno un chirurgo, sarebbe riuscito ad aggiungerci un altro spillo. Poco più in là, a Roca, la piscina naturale della Poesia, altra icona salentina, ricordava una di quelle foto di cinesi in ferie al fiume uno accanto all’altro, a contatto praticamente epidermico. Può darsi che nascano interessanti e inaspettate storie d’amore- o delle epidemie- ma di fronte a queste scene mi sembra chiaro che per sostenere ulteriormente il modello di sviluppo turistico “a branco di Gnù” che il Salento ha imboccato negli ultimi anni servono delle innovazioni tecnologiche.È assolutamente necessario per poter continuare ad celebrare ogni anno aumenti del 10, 20, 30, mille mila per cento delle presenze, anche senza l’aiuto dei peggiori, ma fra i più efficaci, tour operator della storia: i fondamentalisti islamici.

Si tratta quindi di essere creativi. Propongo quindi come prima cosa di soppalcare le spiagge, in questo modo non solo si raddoppierebbe la capienza ma si risparmierebbe in ombrelloni, perché al piano terra non ce ne sarebbe bisogno, mentre chi volesse prendere il sole potrebbe salire al piano superiore con delle comode scale a chiocciola che per ridurre l’impatto ambientale realizzerei in alluminio anodizzato, materiale molto amato dalle tartarughe che nidificano da queste parti.

Potrebbe rimanere scomodo raggiungere il mare e, una volta giunti al bagnasciuga, farsi largo fra i bagnanti fino a riuscire ad aprire le braccia e nuotare. Per risolvere questo problema propongo l’istituzione di comode catapulte che scaglino i turisti verso le boe dei trecento metri, ottimizzando così lo spazio balneabile. Certo si dovrebbero prevedere esenzioni per gli anziani e malati di cuore, ma pensiamo per un istante anche al divertimento per i più piccoli, sempre affamati di tuffi. Senza considerare che poi il caratteristico rumore di catapulta – e di bagnante in volo-, all’incirca “CLONK-uarruahrhegrgghhhhh” potrebbe diventare la rilassante colonna sonora dell’estate.

Risolto così il problema delle spiagge pensiamo anche ad intrattenere il turista quando non sta sguazzando. A Ibiza, tedeschi e inglesi di tutte le età si riuniscono sulle spiagge per contemplare il tramonto e alla fine applaudono come un italiano all’atterraggio di un volo Ryanair. Per un turista nordico un tramonto sul mediterraneo è un evento raro e prezioso, seguendo questo principio di scarsità e declinandolo in accezione salentina, propongo l’istituzione di contemplazioni collettive di parcheggi liberi. Gruppi di persone che fissino a lungo qualche anfratto da cui sembra uscire una famiglia in 500. Mentre i nord europei alle Baleari applaudono il sole inabissato, qui si potrebbe concludere il rito con un catartico e collettivo “CHE STAI USCENDO?”.

Infine servono creatività e valorizzazione delle differenze. Pochi giorni fa cenando con amici in un noto ristorante del centro di Lecce, abbiamo ricevuto l’antipasto dopo le portate e, non essendo gli unici ad aver subito questa sorte, abbiamo anche assistito a plateali strigliate del proprietario al personale. Ora tutto questo può diventare una risorsa: immaginiamo campagne pubblicitarie internazionali ( una volta vidi- davvero- i faraglioni delle due sorelle in una stazione della metropolitana di New York) con il claim “Salento: genio e sregolatezza” oppure “Lecce, sovvertiamo l’ordine” e nell’immagine copiosi antipasti serviti ad un tavolo dove giacciono lische di pesce o ossa di costate ormai rosicchiate. Per coloro che si affidassero ancora alle guide turistiche e non ai sistemi di rating online, si potrebbero contattare gli editori per inserire specchietti culturali:
“L’urlo-Antica usanza. Apparentemente le proteste a voce alta del proprietario di un locale contro il suo personale sembrano una pezza peggiore del buco ma in Salento sono al contrario un portato ed una preziosa eredità dei borbonici “moti del fornello” violenti e caratteristici tenzoni fra i lavoratori delle cucine che, brandendo spiedi e coltellacci, si sfidavano fino alla morte di uno dei contendenti per decidere con quali contorni servire quel giorno il pesce. Era un periodo in cui la mortalità dei camerieri era particolarmente alta”. Insomma cari amici creiamo valore aggiunto, rimpolpiamo il substrato culturale o questa magnifica crescita infinita potrebbe concludersi e, dio non voglia, il Salento potrebbe tornare un giorno ad essere un posto dove quando vai in spiaggia vedi il mare.

]]>
http://www.danielerielli.it/una-modesta-proposta-soppalchiamo-il-salento/feed/ 0
Intervista Serpico http://www.danielerielli.it/intervista-serpico-repubblica/ http://www.danielerielli.it/intervista-serpico-repubblica/#comments Wed, 31 Dec 2014 13:20:40 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2516 Continua a leggere]]> «Ehi, vaffanculo» sono le prime affettuose parole, in italiano, che mi rivolge Frank Serpico, quando mi vede arrivare sull’auto a noleggio. Poi scoppia a ridere. L’uomo che ha cambiato la storia del dipartimento di Polizia di New York, diventando così il più famoso simbolo mondiale della lotta alla corruzione, è un vecchietto magro in occhiali da sole. Se ne sta seduto con un sorriso sornione al tavolino di un piccolo diner sull’Hudson, ed è incazzato perché sono in ritardo.

Qualche ragione ce l’ha, anche se è stato lui a cambiare luogo dell’incontro poche ore prima, dopo giorni di chiamate, messaggi, mail, domande, dubbi. Anche se per tutto il tempo Frank non ha mai smesso di essere cortese, non capivo bene dove finisse la paranoia e dove iniziasse il personaggio, ma sapevo anche che alla fine le interviste le concede quasi sempre. Nella contrattazione a un certo punto si è aperto uno spiraglio.

«Mercoledì mi hanno invitato all’Onu,» mi ha detto al telefono «ma non so se ho voglia di andarci, sono tutti corrotti anche lì».

(CONTINUA  SU STORIE DAL MONDO NUOVO (ADELPHI))

]]>
http://www.danielerielli.it/intervista-serpico-repubblica/feed/ 0
Reportage: I PROBLEMI SONO ALTRI http://www.danielerielli.it/reportage-italian-graffiti-venerdi-di-repubblica/ http://www.danielerielli.it/reportage-italian-graffiti-venerdi-di-repubblica/#comments Sat, 04 Oct 2014 11:53:24 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2457 Continua a leggere]]>  

Il nome è la religione dei graffiti.

Cay 161

Stringo il cappuccio della felpa e respiro l’odore chimico della bomboletta, una Montana hardcore, più di quindici anni dopo la fine della mia brevissima e mai particolarmente convinta carriera di writer. Avrò avuto sì e no sedici anni, e l’episodio culminante di quella breve epoca fu la fuga da una Punto piena di poliziotti in borghese. Eravamo tre, io scappai in bici prendendo in pieno un marciapiede alto trenta centimetri a quaranta all’ora e distrussi il cerchione davanti senza che questo riuscisse a fermarmi. Uno dei miei amici girato l’angolo si lanciò a pesce dentro un bidone dell’immondizia, mentre l’altro, quello più scuro (i casi della vita), venne fermato. O meglio, si lanciarono tutti su di lui, facilitandoci la fuga. Per sua fortuna venne fuori che era l’antidroga. Pensavano fossimo spacciatori e quando videro il graffito, un orribile puppett dai tratti che volevano essere loschi e gangsta, ma erano soprattutto brutti, si misero a ridere.

In compenso ancora oggi mio padre, che ignora la storia, sostiene che rompo le bici: «Come quando hai distrutto un cerchione perché sei troppo pigro per scendere quando incontri un marciapiede». Dopo tutto questo tempo potrei raccontargli la verità, ma in fondo sarebbe troppo faticoso, il che in un senso più ampio gli dà ragione.

Rispetto a quell’epoca d’incoscienza adolescenziale e pedalate adrenaliniche, l’operazione in cui mi ritrovo nell’autunno del 2014 ha più spiccati caratteri militari. Assieme a un writer e a un fotografo stiamo saltando dalla massicciata di un ponte direttamente dentro un deposito di Trenitalia, e tutto quello che riesco a pensare è un titolo, “Giornalista rimane paralizzato durante un servizio sul writing”. Eppure l’unico modo per entrare è quello. Marco, che ovviamente non si chiama davvero così, ha preparato tutto nei dettagli. Ha vent’otto anni, per sua stessa ammissione tanti per un writer ancora in attività sui treni. Siamo nella sua yard, e una delle richieste per acconsentire a farsi accompagnare è stata la riservatezza assoluta sul nome della città, Basti quindi dire che siamo nella pianura Padana. Dopo nemmeno dieci minuti Marco ha finito di tracciare il perimetro del pezzo, e si appresta a cominciare il riempimento. Con lo sfondo, la ridefinizione dei contorni a negativo e i riflessi, ci vorranno altri venti minuti buoni. Molto più tempo che c’è voluto per arrivare fino a qua, sui binari alle spalle di un writer in azione.

È iniziato tutto un paio di mesi prima. Chi non lavora per i giornali forse immagina che il reclutamento di un nuovo autore passi da una serie di auliche conversazioni su come giungere ad un’apollinea convergenza fra letteratura e informazione,e soddisfare così un pubblico ugualmente avido di novità e sperimentazione. Nella realtà le cose sono più sbrigative e brutali, simili a un dialogo fra idraulici. Idraulici cresciuti da un branco di lupi. Continua su STORIE DAL MONDO NUOVO ( ADELPHI)

]]>
http://www.danielerielli.it/reportage-italian-graffiti-venerdi-di-repubblica/feed/ 0
Perchè ho amato The Newsroom (Internazionale) http://www.danielerielli.it/perche-ho-amato-the-newsroom-internazionale/ http://www.danielerielli.it/perche-ho-amato-the-newsroom-internazionale/#comments Tue, 23 Dec 2014 12:43:02 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2511 Continua a leggere]]>
Provare a immaginare quello che vogliono gli spettatori e poi provare a soddisfarlo è generalmente una cattiva ricetta per ottenere qualcosa di buono.–Aaron Sorkin

Ci sono molti insegnamenti che si possono ricavare da The Newsroom, la splendida serie Hbo di Aaron Sokin che si è conclusa il 14 dicembre: il primo, il più ovvio, e forse il meno interessante dei quali, è che se massacri il giornalismo probabilmente non sarà poi così facile trovare tutti questi giornalisti pronti a tessere le tue lodi. Questo è solo uno e non certo l’unico motivo per cui The Newsroom è stata fra le opere di Sorkin più amate dal pubblico, ma al tempo stesso quella che ha diviso maggiormente la critica, che non le ha risparmiato stroncature, rivolte soprattutto contro la prima stagione.

Che non sarebbe stato uno show dalle mezze misure si era capito subito dal famoso monologo iniziale che affrontava uno dei più grandi tabù d’oltreoceano: l’America non è necessariamente il miglior paese del mondo.(Continua a leggere su Internazionale)

]]>
http://www.danielerielli.it/perche-ho-amato-the-newsroom-internazionale/feed/ 0
Reportage: Fasano, India http://www.danielerielli.it/oltre-la-fiaba-del-matrimonio-indiano-in-puglia/ http://www.danielerielli.it/oltre-la-fiaba-del-matrimonio-indiano-in-puglia/#comments Thu, 11 Sep 2014 06:47:29 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=2453 Continua a leggere]]>

La storia del matrimonio indiano è finita sotto i miei occhi in un bar del Salento a fine agosto del 2014. Stavo mangiando un pasticciotto, una delle pochissime attività cui mi dedico in estate assieme alle torsioni sul mio asse per evitare le piaghe da decubito, e ricordo ancora perfettamente l’occhiello all’insegna dell’understatement di «Repubblica Bari»:

IL MATRIMONIO DEL SECOLO

Il pezzo si riferiva ai due ricchi giovani indiani che avevano scelto per motivi misteriosi di sposarsi a pochi chilometri da Fasano. Come tutte le altre testate locali, «Repubblica Bari» forniva una ridda di particolari su quanto lo sposalizio sarebbe stato (traduco liberalmente): enorme, meraviglioso, smodatamente ricco, insultantemente (ma anche ammirevolmente) fastoso, lunghissimo, floreale, tamarro, dorato, decisamente indiano ma pure orecchiette-munito – almeno nella giornata di giovedì, quella dedicata agli chef locali. Il lieto evento veniva descritto esplicitamente come “fiaba” “episodio da mille una notte” e implicitamente come “quello che voi non vivrete mai, sciocchini privi di aziende di famiglia che fatturano tre miliardi di dollari l’anno”. Il matrimonio non solo era in quanto tale un atto contro natura (pensavo io), ma in questo caso specifico (dicevano i giornali) era anche organizzato in regime di ristrettezze dieci milioni di euro per tre giorni. Sfacciatamente oligarchico cioè, ma anche episodico, e appannaggio di gente che abitava abbastanza lontano da suscitare, con la sua ricchezza, più ammirazione che risentimento.

Continua su STORIE DAL MONDO NUOVO ( ADELPHI)

]]> http://www.danielerielli.it/oltre-la-fiaba-del-matrimonio-indiano-in-puglia/feed/ 0 Quit, ma su ritorno al futuro non scrivi niente? http://www.danielerielli.it/quit-ma-su-ritorno-al-futuro-non-scrivi-niente/ http://www.danielerielli.it/quit-ma-su-ritorno-al-futuro-non-scrivi-niente/#comments Wed, 21 Oct 2015 23:24:14 +0000 http://www.danielerielli.it/?p=3617 Continua a leggere]]> (mail inviata 21/10/2015 h.7.28)

Ciao Quit, ma su ritorno al futuro non scrivi niente?

ciao

Godenzio

(tuo affezionatissimo)

 

Ciao Gody

Certo che voglio scrivere qualcosa su Ritorno al futuro, ieri però ero impegnato a giocare a polo con i reali di Svezia e non ho avuto un attimo. Rimedio subito.

Ritorno al futuro, dicevamo.

Quando ero povero e ancora scarsamente conteso dalle famiglie reali europee, a un certo punto qualcuno mi mise in contatto con un comico incredibilmente scarso che aveva bisogno di un autore. Andai a trovarlo un paio di volte nella città emiliana dove viveva. Mi fece vedere il testo del suo ultimo spettacolo. Era agghiacciante. Non si faceva mancare nulla, dalle battute sugli stereotipi nord-sud, una parte delle quali fatte in napoletano (non sapeva il napoletano), alle battute su quanto è difficile vivere in coppia e andare a fare la spesa al supermercato, fino alle vocine. Qua e là c’erano delle incongrue battute divertenti che però erano sempre battute ultranote di comici ultrafamosi, probabilmente prese da raccolte tipo “Le formiche”.

“Ma questa non è di Woody Allen?”

Chiesi dopo aver letto la chiusa del foglio che arrivava dopo 30 righe talmente ilari che il mio cervello ha deciso di sostituire il loro ricordo con l’immagine di un gruppo di scimmie adulte che urlano contendendosi l’unica femmina del gruppo. Una cosa tipo “uehuahrhrhhrhrhrhrhrhhrrrghghghghgh”

Lui disse “Boh, si può essere”.

Era una battuta di Woody Allen ed era talmente nota che sarebbe potuta finire stampata sul dorso dei Cuccioloni Algida se solo chi li scriveva non fosse stato il cugino segreto di Donato Bilancia. ( questa è una teoria personale senza prove empiriche. Per il momento!).   Ad ogni modo mi disse che aveva una grande idea per un nuovo programma e si apprestò mio malgrado ad illustramela coinvolgendomi in un processo logico-deduttivo

“Sai qual è il programma più visto? Quello che proprio vedono tutti?”

“Il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica?”

“No.”

“Le notti calde di Telenuovo?”

“No.”

“Non lo so. C’è altro in tv?”

“Il meteo, tutti guardano il meteo”

Al tempo non guardavo mai il meteo ma feci “Ah-ha” invitandolo ad andare avanti, confidando che a un certo punto sarebbe arrivata una battuta di Woody Allen.

“Allora noi ci mettiamo questa ragazza che si spoglia togliendosi di dosso dei magneti che rappresentano il sole e le nuvole per metterle sulla cartina e io nel frattempo faccio il colonnello e praticamente dico delle battute divertenti a tema meteo. Battute che mi scrivi tu”

“Così a occhio” dissi decidendo di soprassedere sul monte golgota formato dalle altre almeno duemila cazzate contenute in quell’idea di merda “ c’è il rischio che alla lunga la cosa si riveli un tantino ripetitiva, i fenomeni atmosferici sono molto limitati, le tette addirittura solo due. ”

Il comico orribile però era nel pieno di un orgasmo da Siae, per quanto fosse tutto clamorosamente fuori portata -lui era palesemente troppo scarso, persino per l’orrida televisione italiana – l’unica cosa che riusciva a pensare era che una striscia del genere sarebbe stata moltiplicabile per x mila puntate e avrebbe potuto generare in equocompenso (amichevolemente diviso 75% lui e 25% servo della gleba, ovvero io)  denaro sufficiente a vivere la sua vecchiaia costantemente sottoposto a quel tipo di suzione che porta una cospicua parte dei veneti in pensione a passare molto tempo dalle parti di Manila.

Di quegli incontri mi rimasero 16 euro di biglietti del treno non pagati e un’immutata indifferenza nei confronti del meteo.

Un disinteresse finito anni dopo, quando, mentre sudavo avvolto in un cappotto fuori dalla stazione Termini, un passante in maglietta maniche corte mi apostrofò  “aò  nu stai in norveggia”. Da allora controllo sempre con il telefono il meteo della città dove sto andando, così il mio gradiente di errore nell’abbigliamento si è abbassato parecchio.

E, se ci pensate, in Ritorno al futuro II le previsioni meteo sono molto precise.

Ciao.

 

]]>
http://www.danielerielli.it/quit-ma-su-ritorno-al-futuro-non-scrivi-niente/feed/ 0