Giornalismo | Daniele Rielli | Pagina 7
Warning: getimagesize(): Filename cannot be empty in D:\inetpub\webs\danielerielliit\wp-content\plugins\wp-open-graph\output.class.php on line 306

Giornalismo

clarkson

CHI CLARKSON SEI? (Riders magazine)

  Speed provides the one genuinely modern pleasure Aldous Huxley “Quest’Alfa è veloce anche se credo che avrebbero potuto farla più veloce , dopo però sarebbe stata più veloce di una Ferrari, e in Italia è una cosa che non è socialmente accettata, un po’ come vomitare sul Papa”  Jeremy Clarkson durante il test drive dell’Alfa Romeo 8c Questo non è il tipo di frase che vi aspettereste di sentire guardando Easy driver, il programma di motori di Rai uno, né, per essere clementi con la televisione di Stato, in nessun altro programma di motori al mondo. Il fatto è che…

Continua a leggere

La tribù che racconta storie – Gottschall e l’analisi evolutiva delle serie tv (Venerdì di Repubblica)

(il miglior personaggio negativo di serie tv mentre guarda una serie tv) Intervista a Jonathan Gottschall –  pubblicata sul Venerdì di Repubblica del 27.2.2015 Pittsburgh. Nel racconto le “Api, parte prima” lo scrittore bosniaco Aleksandar Hemon racconta di come, durante la sua infanzia nella Iugoslavia di Tito, suo padre avesse trascinato tutta la famiglia fuori da una sala cinematografica in cui veniva proiettato un film di avventura,  all’urlo di “che stupidata” e “compagni non credeteci” Ripenso a questa scena camminando per una Pittsburgh ventosa e gelata verso il bar in cui ho un appuntamento con Jonathan Gottschall, autore di “L’istinto di…

Continua a leggere
EwPEnJGWEAUKdc_-2

Il giorno in cui l’emozione superò la notizia

(Le rivoluzioni nascono in provincia)   NOTA: Questo racconto è apparso originariamente nel luglio 2014 su Linkiesta, il  12.03.21 Repubblica è uscita con questa prima pagina:    Sulle prime il sorpasso dell’emozione sulla notizia generò un certo grado di scandalo, commenti caustici, battute ironiche, sdegno, predicozzi, annunci d’imminenti apocalissi, la maggior parte dei quali su Facebook ma in qualche caso anche fra persone con un lavoro. La svolta in realtà era nell’aria da tempo. L’emozione, scalpitante, subdola e già segretamente al comando, innervava la cronaca da decenni, accontentandosi però di dettare, con lo spietato automatismo di chi non deve certo spiegare cose…

Continua a leggere