Blog | Daniele Rielli
Warning: getimagesize(): Filename cannot be empty in D:\inetpub\webs\danielerielliit\wp-content\plugins\wp-open-graph\output.class.php on line 306

Blog

ODIO

DAL 30 GIUGNO IN LIBRERIA E NEGLI E-STORE RECENSIONI “Daniele Rielli ha scritto un grande romanzo sulle ossessioni della nostra epoca”   “Come nei miti classici ci si brucia le ali volando incontro al sole”   “Un romanzo rutilante, ambizioso, curato nei dettagli” “La trama e il sistema dei personaggi sono articolati e catturano il lettore in modo incalzante, con colpi di scena, relazioni sentimentali, cambi di scenario “  “Cinquecento pagine di profetiche deflagrazioni epocali “   “Uno sguardo profondo sulla nostra condizione”  “Mette i brividi”    “Un fremito di rivolta che tutti abbiamo contro noi stessi e la gigantesca…

Continua a leggere
image (1)

Il cortocircuito della campagna per cancellare Netflix

  ( Questo articolo è apparso su Domani il 18/09/2020, illustrazione di Doriano Strologo) Nel momento in cui scrivo la campagna di boicottaggio #CancelNetflix ha raccolto 640mila firme in tutto il mondo e causato una grossa perdita in borsa al titolo del gigante americano. Soprattutto, #CancelNetflix si è dimostrata una campagna estremamente simbolica di alcuni meccanismi chiave del nostro tempo. Questo, in breve, il riassunto di quello che è accaduto: Netflix ha messo online Mignonnes, un film francese premiato al Sundance film festival – un’opera che tratta dell’ipersessualizzazione delle bambine – e lo ha annunciato attraverso una locandina in grado di attirare…

Continua a leggere
lord-5

La tribù online

Questo articolo è apparso su Il Foglio il 15.08.2020 “Il Ramo d’oro” di James Frazer contiene, fra le tante, anche le vicende di un’antica tribù africana presso la quale, nel momento stesso in cui veniva nominato, il re fuggiva dal villaggio e doveva venire ricatturato da un gruppo di guerrieri e messo a forza sul trono. La scena ha un che di comico se si considera quanti sforzi sono stati fatti in ogni tempo dagli uomini proprio per salire sui troni, eppure quella fuga dal potere – che Frazer svela poi avere motivazioni piuttosto solide – ha nonostante tutto un…

Continua a leggere
ancient-3773934_1920

L’età del tribalismo (intervista a Minima & Moralia)

Di Nicola Pedrazzi Intervista apparsa su Minima & Moralia il 24/07/2020 Conosco Daniele Rielli dal 2013, gli scrissi la prima mail all’indomani della non-vittoria di Pierluigi Bersani alle elezioni politiche. Al tempo scriveva sotto pseudonimo e stava guadagnando una buona visibilità con il suo blog, un contenitore di soggettive molto ben costruite, che credo abbia unito nella lettura tanti quasi trentenni italiani. Da quella mail si è sviluppata un’amicizia per lo più epistolare, con due o tre momenti fisici di livello, come quando l’ho ospitato a casa mia a Tirana durante il reportage sull’Albania, la cui versione estesa è confluita in Storie…

Continua a leggere
Schermata 2020-07-04 alle 1.44.14 PM

Dentro l’odio – Intervista

Questa intervista è tratta da un più ampio approfondimento di Claudia Consoli e Antonella Sbriccoli pubblicato sul sito di Mondadori Cominciamo dal titolo per inquadrare il tuo monumentale romanzo. Quali sono secondo te le principali forme di odio del nostro tempo? Nella nostra epoca sono finite le grandi narrazioni, le risposte univoche, le persone hanno la libertà e il peso (le due cose vanno sempre assieme) di cercare il proprio personale senso della vita. Al tempo stesso la società occidentale tende a eliminare dalla sfera della consapevolezza il dramma, la morte, il sacrificio e sembra avere un solo mandato imperativo: essere…

Continua a leggere
Image by djedj from Pixabay

La colpa è degli altri

Il fallimento di questa classe dirigente improvvisata è l’ultimo atto di una politica italiana che ha ipotecato il futuro per comprare consenso e tentare così di nascondere la gravità della situazione. Ormai è evidente: il grande assente dal dibattito italiano sul Coronavirus è la questione del debito pubblico. Eppure, se nell’affrontare l’epidemia non ci possiamo permettere il relativo agio di Paesi come la Germania e andiamo invece con il cappello in mano a chiedere soldi ad altri Stati, è proprio per via del nostro debito. Se all’inizio di questa emergenza l’Italia aveva meno posti in terapia intensiva per abitante rispetto ad altri…

Continua a leggere